Linguine all’astice

linguine-allastice

Una lettrice mi chiede come si possono fare a casa delle ottime linguine all’ astice, eccole sopra qui in foto andiamo a vedere la ricetta.

Direi che è abbastanza semplice anche se forse non sembra, in genere per un primo piatto un astice basta per 2 persone, personalmente le ho viste fare dai colleghi in vari modi ma alla fine la versione più semplice trovo che sia la migliore quindi vi illustro questa versione.

INGREDIENTI : astice, linguine ( o pasta che volete ) pomodoro fresco, salsa pomodoro, aglio, olio extravergine, prezzemolo, sale e pepe.

Quando mettete l’acqua sul fuoco per la pasta procedete nella preparazione dell’astice, per prima cosa tagliate in 2 l’astice per il lungo, prendete un tegame largo che deve contenere comodamente l’astice, fate un fondo di aglio e olio extravergine d’oliva, fate dorare leggermente l’aglio, spostate dal fuoco e unite l’astice con la carne sul fondo della padella, rimettete sul fuoco, unite sopra l’astice i pomodori tagliati a cubetti e la salsa di pomodoro, salate e pepate, coprite con un coperchio, portare quasi a cottura, la cottura è abbastanza veloce specialmente se usate come ho scritto un coperchio.

Quando è quasi cotto quindi direi dopo un 5/10 minuti più o meno ( in base alla grandezza e volume ) levate l’astice dal fuoco e togliete la polpa con l’aiuto di una forchetta la polpa viene via senza la minima difficoltà se è quasi cotto, fate la polpa a pezzettoni, anche le chele vanno rotte e si estrae la polpa, se fate attenzione esce intera come in foto.

Rimettere la polpa nella salsa, riportare a bollore e finire la cottura, unite il prezzemolo tritato, regolatre di sale e pepe, far cuocere le linguine in abbondante acqua salata e unirle alla salsa, tenete morbido il tutto se serve con acqua di cottura della pasta, come vedete la salsa è composta solo dall’astice e dal pomodoro fresco, poi la differenza stà nella mano.

Lucidare con olio extravergine e buon appetito.

 

Related posts:

Comments

  1. 1

    says

    chef una delle meraviglie dei secondi di mare…nel napoletano la cucinano da dio…viene bene anche a me ;))) piatto solare…che vino ci abbini?

  2. 2

    says

    …comunque da noi la polpa la facciamo rimanere attaccata al carapace e le chele le spezziamo senza levare la polpa…mattiamo nella padella con aglio sfumiamo con il vino…aggiungiamo i pomodori …poi leviamo l’astice…mantechiamo la pasta…ultima girata con l’astice dentro…e spolverata di prezzemolo

  3. 4

    says

    Un grande classico sempre squisito…mi è venuta l’acquolina (non è proprio ora)!
    Complimenti per il blog, l’ho scoperto attraverso dei blog francesi
    (il mondo alla rovescia ;)

  4. 6

    Mirka says

    non avevo mai pensato di cucinare un piatto del genere in casa… mi sembrava complicato… ma questa ricetta mi piace e penso che ci proverò… mi farò coraggio perchè devo dire che il “mostro marino” mi fa un po’ paura.. :-)
    grazie chef…anche stavolta ricetta semplice ma di grande effetto

  5. 9

    says

    Non sono proprio in grado di cucinare astici ed aragoste e suppongo che di cuocerle quando sono ormai morte non se ne parla, vero?

  6. 17

    Anonymous says

    ottima io sapevo che bisognava aggiungere anche della cipolla con il dado…ma così mi sembra veramente eccellente

  7. 18

    fedchiav says

    ottimo ottimo ottimo io pero’ aggiungo anche nel sugo una ciliegina di panna da cucina , ma prorpio una puntina , cosi’ da ottima diventa magica

  8. 19

    fedchiav says

    dimenticavo l’acqua che molla l’astice nel dividerlo e’ importantissima e le due chele le faccio sbollentare a parte in pochissima acqua e sale giusto per avere del brodo per allungare il sugo

  9. 20

    rosa says

    va bene era una ricetta appetitosa e buona da mangiare ciaoooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  10. 26

    barbara says

    sono riuscite ,da DIOOOOOOOOOOOOOOO….grazie 1000 di sugerimento..abbiamo ciucciato anche le dita ,oltre alle chele..!!!ahahahha….

  11. 27

    Alessandro says

    Buongiorno! Vorrei cucinare le linguine all’astice per la mia famiglia, ma vorrei evitare di dover tagliare l’astice ancora vivo o bollirlo…. una soluzione?

  12. 28

    Christian says

    Ciao Alessandro, non hai scelta se vuoi l’Astice fresco, l’unica alternativa nel tuo caso è comprare un buon prodotto surgelato……….oppure fare delle linguine ai frutti di mare.

  13. 29

    Rodrigo says

    Salve e tanti auguri a tutti voi, io questa sera mi cimenterò con il piatto indicato dallo chef, solo che sarò alle prese con ben 4 astici da circa 600 gr. cadauno, sperimo di vencere la battaglia, incrocio le dita e poi domani vi informerò su come è andata.

  14. 30

    Gianni Borrelli says

    La ricetta per poche persone è ok!
    Ma come si organizza il piatto diciamo per 10-12 persone?
    Grazie e buon anno

  15. 31

    Christian says

    Ciao Gianni, la tua domanda richiede una risposta impegnativa e non posso dartela qui in un commento veloce ci vorrebbe un intero post scritto con calma solo su questo discorso…..a casa 10/12 persone iniziano ad essere parecchie e fare questo piatto richiede una certa abilità perchè ad esempio ….in pentola a casa non penso che ci stanno 6 astici quindi servono diversi passaggi…
    ciao e buon anno anche a te a a tutti voi che leggete

  16. 32

    Anonymous says

    aiuto devo cucinare la spigola in chrosta di sale…………………..o chucinato le linquine all’astice ottime

  17. 33

    Christian says

    ciao…dimmi…..tu come la farai la spigola al sale ?
    ( però se vuoi una risposta firmati con un nome, rispondere ad un anonimous non mi piace )

  18. 36

    Gregory says

    Salve Chef, ho gia’ provato questo tipo di cottura dell’astice per la pasta, ma la mia preferita rimane communque di fare un fondo con le teste, alla fine il sapore della pasta sa veramente di astice, molto saporito, stesso discorso per gli scampi. Cosa ne pensa ?

  19. 37

    Alejandro says

    Niente sfumata con vino bianco cheff??? prima di buttare i pomodorini un goccio di vermentino bianco, di greco di tuffo o simili (roba di qualità, non ciofeca da brick) darebbe un tono troppo acido?
    Lo sò … sono un po’ in ritardo rispetto al post…

    Saluti

  20. 38

    Christian says

    Salve Alejandro, no bè non sei in ritardo questi sono post senza tempo ….. ti dirò questa senza vino è la versione che preferisco, al limite alla vecchia maniera classica una bagnata di Brandy ma si deve poi flambare e flambare a casa non è facile come al ristorante ………
    ma rimane il fatto che la mia preferito è senza vino anche perchè se noti il pomodoro viene aggiunto subito dopo quindi il vino non avrebbe modo di sfumare con l’acqua che butta fuori di suo l’astice….

  21. 39

    Giulio says

    ma la parte gialla nella testa dell’astice, mi sembra che si chiami corallo, va tolta o viene cotta anch’essa insieme all’astice? io preferisco tenere la polpa all’interno dell’astice.

    grazie in anticipo
    saluti

  22. 43

    Giulio says

    ma per un astice di 700 grammi un bicchiere di brandy basta o è troppo? non vorrei esagerare ma nemmeno metterne troppo poco… grazie in anticipo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>