Soufflè all’arancia


Soufflè all’arancia

A questo soufflè la foto non rende giustizia, la parte che fuoriesce dalla cocotte al momento di tirarlo fuori dal forno è almeno il doppio, una meraviglia, per fargli la foto poi ci vuole il suo tempo e questo è il massimo che ho fotografato.

Il concetto di questo soufflè è la leggerezza dell’impasto, si alza moltissimo in verticale come un missile, niente farina e latte solo uova, zucchero e l’ingrediente principale.

Ingredienti per 2 persone : dosi per 2 cocotte in ceramica 1 uovo, 1 e mezzo cucchiaio di zucchero, succo e polpa di 1 arancia, poco zucchero a velo, un goccio di liquore all’arancia facoltativo.

E’ semplicissimo ma occorre fare attenzione perchè i passaggi sono solo 2, semplici ma fondamentali. Per prima cosa preparate l’arancio, pelatelo a vivo, mettetelo nel frullatore e poi passatelo al setaccio.

Separate il tuorlo dal bianco,

sbattete il tuorlo con lo zucchero per bene, deve diventare quasi bianco, unite metà del succo d’arancia passato e l’altra metà bevetela ;-) o fateci un sorbetto per accompagnare il soufflè, unite un goccio ma un goccio nel vero senso della parola di liquore all’arancia.

Montate il bianco a neve con un pizzico di sale, ora qui non è semplice perchè il bianco deve essere montato ma non al limite, dovrà restare morbido e cremoso, appena montato unite poco zucchero a velo come per la meringa, poco diciamo un terzo di cucchiaio che lo renderà ancora più cremoso, montato ma cremoso.

Unite il bianco al composto poco alla volta e mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Imburrate gli stampini di ceramica e spolverate di zucchero, versate il composto fin quasi a riempire, non abbiate paura tanto non esce fuori ma sale in alto. Infornate a 190 ° per 10/13 minuti, servire immediatamente.

Si può accompagnare con del gelato e come dicevo sopra un sorbetto.

Buon appetito e fatemi sapere.

Related posts:

Comments

  1. 1

    says

    Si la foto non le rende justizzia, mi chiedo comme doveva essere queto soufflé? Non poso fare une fotografia cosi, dal instanté dove è uscito dal forno cade un po e sembra tutto sgonfiato!

  2. 4

    says

    Lo voglio! Lo voglio! Lo voglio! Non ho mai fatto un soufflè, mi avevi già incantato con quello alla zucca, ma questo… Sai che cosa c’è nella fruttiera? Arance :-)

    Ciao,
    Aiuolik

  3. 5

    Christian says

    Ciao a tutti ;)
    Mamina prova a montare i bianchi un pò meno, devono restare ancora un pò cremosi e non a neve ferma.

  4. 6

    Lamarrana says

    l’ho fatto ieri come merenda appena rientrata dall’ufficio e devo dire che sono abbastanza soddisfatta del risultato, solo che: mi è venuto “storto”, cioè non una bella torre, ma tipo torre di Pisa, e al fondo della cocottina è rimasto un po’ di liquido trasparente (tipo acqua al sapore di arancio) come mai? comunque è stato divertente prepararlo e gustarlo

  5. 7

    says

    Non volevo commentare prima di averlo provato: ebbene siiiiii! Il mio primo sufflè è perfettamente riuscito. E’ salito su su su, in alto in alto in alto fin quasi a toccare il soffitto del forno… Che soddisfazione! Anche se è proprio vero che bisogna servirlo subitissimo poiché si sgonfia molto velocemente. Però era ottimo.
    Nessuna difficoltà nell’esecuzione anche se montare un tuorlo fino a farlo diventare bianco e spumoso con tutto quello zucchero è un po’ un’impresa. Diventa più facile se si raddoppiano le dosi e si invitano due amici :-)

  6. 8

    says

    ma non ci posso credere! da’ proprio l’idea del missile, che ridere…! devo provare ma porcaccia miseria mi sono fatta scappare le cocottine al negozio sotto casa, chissà se torneranno…!

  7. 12

    says

    Ciao,
    bello il tuo soufflè! Mi chiedevo: prima di cuocerlo potrebbe essere surgelato? L’idea che ho è: lo preparo qualche giorno prima ma quando serve, lo porto a tavola bello caldo…

  8. 13

    Christian says

    CIao a tutti e grazie,
    mi pare di vedere qualche nome nuovo benvenuti.

    Paola benvenuta, non si può congelare, almeno che io sappia, se hai il forno caldo e ti organizzi prima con gli ingredienti, lasci gli ospiti 15 minuti e lo fai al momento, ne vale la pena.

  9. 17

    Christian says

    Ciao Lisa,
    Aiuolik come ho scritto sul vostro Blog siete fantastici ;)
    Ciao Tuki benvenuta e grazie, molto bello il tuo blog.

  10. 19

    maria antonietta says

    Secondo te se usassi questa ricetta per fare il soufflé al cioccolato, aggiungendo un cioccolato fuso al posto dell’arancia, il risultato come sarebbe? Mi incuriosisce questa ricetta, sembra davvero leggerissima.

  11. 20

    Christian says

    Ciao Maria, non penso sia adatta questa ricetta anche se non l’ho mai provata ma a occhio direi di no……….. per il soufflè al cioccolato andrei sul classico quello con tutto quanto, uova, latte, farina, zucchero e cioccolato

  12. 21

    Hillary says

    Ciao Christian in questo momento sto facendo gustare il tuo capolavoro a mia figlia”certo non perfetto come il tuo,ma devo dire squisito lo stesso”ha solo 4 anni ma l’ha spolverato ancora incandescente….forse ha la lingua di amianto : ) cmq grazie non faceva una vera merenda da qualche mese…grazie dell’inspirazione

Trackbacks

  1. [...] in tutte le salse, volevo aiutare in modo concreto la gente dell’India, cucinavo molto bene dolci e soufflè, volevo vivere in una fattoria piena di animali, tenevo un diario da quando avevo 5 anni — e non [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>